IL DIALETTO MOLISANO
THE MOLISANO DIALECT
EL DIALECTO MOLISANO





Cari amici Molisani, la nostra lingua la portiamo nel sangue. Non solo la nostra lingua é viva nel Molise, ma lo é pure nel mondo dove sono i Molisani. A volte incontro giovani discendenti della terza e quarta generazione che parlano ancora la la nostra lingua. Ciò é dovuto alla tenacità dei nostri emigrati che la trasmettono con orgoglio ai loro figli. In questa pagina vi faccio conoscere uno dei nostri poeti, Giovanni Cerri. Non velo presento, ma lascio la parola al nostro scrittore contem poraneo Giose Rimanelli. Leggete le belle poesie che seguono, poiché vi sono i tratti profondi del nostro Molise. 

You are invite to read the following article to have a full comprehension of the Molise litterature.

By Giambattista Faralli
http://userhome.brooklyn.cuny.edu/bonaffini/DP/index.html


Click for a huge selection of hip Clothing & more!

POETI MOLISANI

GIOVANNI CERRI di Casacalenda
(tutto il materiale di seguito riportato è stato tratto da: I guàie - a cura di Giose Rimanelli Libreria Editrice Marinelli 1978) noi, incantati dalla poesia di Giovanni Cerri, ci siamo limitati a trascriverne alcune parti, col solo intento di rendere omaggio agli autori, a cui chiediamo scusa se non siamo stati all'altezza della
situazione.

Presentazione

Cerri non mancò mai di consapevolezza critica, per questo gli inediti ora ritrovati restarono fuori, a suo tempo, dal manoscritto definitivo. E proprio come lo stesso Giuseppe Jovine fece rilevare in una sua recensione della prima edizione de I guàie, >. Ma una risposta a tale problema, Jovine subito aggiungeva, Cerri la trova nell'intimo del proprio cuore e l'attinge dalla realtà contadina, dal suo segreto amore di uomo per le cose e la natura. Cerri la formula in espressioni di composta solennità. E questa, oggi come ieri, antica e immutata, ci si offre come professione di fede nell'azione e nel lavoro dell'uomo. Il suo lavoro di poeta. Di amato maestro." di Giose Rimanelli


Prefazione

Io non sono andato alle elementari da Giovanni Cerri: egli insegnava in una classe, io studiavo sotto la guida di un suo collega. E tuttavia la sua mano pesante spesso si è abbattuta anche sulle mie orecchie, e se c'è un odio di cui i ragazzi possano aver memoria è proprio quello che assume volto nelle scuole, a fronte di
maestri severi. Oggi io mi discolpo di quell'odio presentando le poesie di Giovanni Cerri, alcune delle quali (è questa anche la prima volta ch'egli pubblica) furono scritte proprio quand'io avevo i pantaloni corti, e lo evitavo come s'egli incarnasse la figura di un giustiziere." di Giose Rimanelli


Design your own Shirt



U zappatore

U zappatore
Sonn'a gràscia
ca sére lasse
nu campe e na vigne
de zappà
'a pècura che pasce
pare nu sante
i frusce
c'arevà
di carde sicche.
na nnicchia sìa.
È matetìne.
Nu lumeniélle
U cane
allumene u reciétte
abbàie dent'a stalle:
e hisse dent'u liette
aresponne
z'asternìche l'osse rotte
u cante de nu galle.
e sònne tutte da notte.

 
 


Lo zappatore: Il contadino che a sera lascia di zappare sembra un santo che ritorna nella sua nicchia. Un lumicino illumina il ricettoed egli nel suo letto si stiracchia l'ossa rotte, e sogna tutta la notte. Sogna l'abbondanza nel campo e nella vigna la pecora che pasce le foglie dei cardi secchi. È mattutino. Il cane abbaia nella stalla:
risponde il canto di un gallo.


 

Cafone
 
Tu che t'ammiénte
e rire e pazzeià
de sole e de viente,
che nu file de sole
de lota e fremiére
ca chiate dell'acque
e fié tante preghiére
t'aremannàve dritte dent'all'uocchie;
quanne ziéppe a maiése,
e t'haie viste chiagne
tu sule crsce u 'rane
pe nu pecìne muorte
che dall'u pane
dent'a rocchia dell'uorte.
a gente d'ogne paiése.
Te desprèzzene
Toste, scuntrose
e te chiàmene cafone.
é ssa vita tìa
Cafone sié!
fatte de stiénte e fatìa.
Ncopp'i spalle toste puòrte
u pise da gènte du munne
Dìcene sèmpe ca tu sié ruzze.
e dell'anemale che crisce e che piésce.
Hìe ce crede.
T'haie viste tante vote
Hìe te vuoglie bene.
taccarià ciucce e mule
Tu sié 'ccide puorce e crape
e torce muzze-muzze
gallìne e quenìglie
a 'recchia de' na pècura
pe sazìa tante figlie
despettòsa;
e quanne puorte u 'rane
e t'haie viste cutelià
all'ammasse
moglie e figlie
liess'arrete
sott'a nu stiglie de paglie.
-ze sé a ciente miglie addarasse -
a-ddora da crete
Dìcene pure ca sié salevagge.
arrasciàte
Hìe aresponne: è u vere.
nell'ogne di dite:
T'haie viste parlà
che è a-ddora dell'ome e da vite.
ca meréia di chiante

 

Cafone. Tu che ti ammanti di sole e di vento, di mota e > e fai tante preghiere quando zappi il maggese, tu solo allevi il grano che dà il pane alla gente d'ogno paese. Dur, scontrosa è la tua vita fatta di stenti e fatica. Dicono sempre che sei rozzo. Io ci credo. T'ho visto tante volte battere asini e muli e torcere senza pietàl'orecchio d'una pecora dispettosa; e t'ho visto battere moglie e figli ai piedi d'una meta di paglia.dicono pure che sei selvaggio. Io rispondo: è vero. T'ho visto parlare con l'ombra delle piante e ridere e giocare con un filo di sole che lo specchio dell'acqua ti rifrangeva negli occhi; e t'ho visto piangere per un pulcino ritrovato morto nel cespugliodell'orto.ti disprezzano e ti chiamano cafone. Cafone sei! Sulle spalle dure porti il peso delle genti del mondo e degli animali che cresci e che pascoli.. io ti voglio bene. Tu sai uccidere porci e capre galline e conigli per fame dei tuoi figli e quando porti il grano all'ammasso lasci dietro - si sente a cento miglia lontano - l'odore della creta incrostata nell'unghie delle dita: che è l'odore dell'uomo e della vita.




Ciérte vote

Ciérte vote
mmocca nu cice
i' chiude l'uocchie
pe' nen dice:
pe' meglio vedè
i cose che vèdene l'uòcchie,
i cose abbelàte de neglia.
i cose che sènten'i 'recchie.
Ciérte vote
m'atture i 'recchie
pe' meglie sentì
'a voce du core 'n-piette.
Ciérte vote
i' m'annasconne

 
 


Certe volte. Certe volte io chiudo gli occhi per meglio vedere le cose ammantate di nebbia. Certe volte mi turo le orecchie per meglio sentire la voce del cuore in petto. Certe volte mi nascondo nella bocca un cece per non dire: le cose che vedono gli occhi, le cose che sentono le orecchie.

 
 


I guàie

U munne è nu castiélle
U sunarrìe
de tante e tante guàie
da ncoppe a 'na muntàgne
ca cuntàrle sulamènte
p'ararenà
z'arrìzzene i capille
tutt'i guie da gènte
a tante gènte.
e zuffennarle dent'a nu zeffunne
L'ome zi trove sempre 'nnante-piette.
e può cantà
Chi ne tè poche
u Diesille
chi ne tè 'ssàie,
pe' tutt'i vie du munne.
chi zi pònne 'ncuòlle
e chi zi scròlle di spalle.
Trevasse nu cefièlle ammaunìte!

 
 


I guai: Il mondo è un castello di tanti e tanti guai che a contarli solamente si drizzano i capelli a tanta gente. L'uomo se li trova sempre petto-a-petto, chi ne ha pochi chi ne ha assai, chi se li pone in collo e chi se li scrolla dalle spalle. Trovassi un fischietto >! Lo suonerei sopra una montagna per radunare tutti i guai della gente e sprofondarli in uno sprofondo e poi cantare il > per tutte le vie del mondo.



A tàvele de S. Geséppe

Se dénte Marze vie' 'n quistu pajése
I tàvele ze fanne 'u juorn' appriésse:
ze fa 'na fèste che 'n z'è viste maje
'u viécchie, 'a vèchhie e' ùnece uagliune
tu vive, miégne e può te né rèvaje
a ttàvele assettate da pètrune
a nu pajése tie sènza pagà.
pe' i tridece apòstele e magnà.
Hanne, o frèstiére, hanne! A gufe miégne
Màgnene tutte sorte de legume
e so' tridece i piatte, è ddoce 'u vine,
e ciammariche, range e maccarune
d'i Coste è 'u vine che pe' Sa' Mmartine
e nu pèniélle de pane pe' d'une,
chemènz'i labbre a fàrete leccà.
scherpèlle, pésce fritte e baccalà.
Vide che gènte bòne tu chènusce
'A seconde ze fa p'i peveriélle:
se vie' nu juòrne sule e quante còse;
p'a pevertà che chiagne ogne matine
se tu è besuògne pure de 'na spòse,
mmiézze 'na ruvve o n'copp'a nu scaline
ce stànne i gevenétte pe' spesà.
quanne nen tte cchiù pane pe' magnà.
Hanne 'a vejlie ssére pecché 'a notte
E màgnene i pezziénte quillu juòrne,
zè uardene i pegnate 'ttorne 'u fuoche,
màgnene pur'i cane mmezz'i vije;
te porte a fa' chemmèddie 'n tutt'i luòche
màgnene tutte e ze rengrazie Dije,
ca scue ch'i pegnat' ède uardà.
che manne a' prevedènze a' pevertà.
Può verz'u tarde i giune fann'u gire
Hanne, o frèstiére, hanne! A gufe miégne
de tutt'i case pe' cantà i tènìje,
e so' trìdece i piatte, è buon'u vine,
tu siénte cante e suòne 'n tutt'i vije
cunce cunce te fié sére e matine
ch'i tièmp' antiche fanne requerdà.
e nu pajése tié può u vié quentà!
Dovve tu trièsce te danne caccose:
schérpelle, caveciune e cecerchiate,
o i macchèrune fatt'mmegliecate
ch'anne ècquenciate pe' tè rejèlà.

 
 

La mensa di S. Giuseppe. Se in marzo vieni in questo paese si fa una festa che non si è vista mai; tu bevi, mangi e poi te ne rivai al paese tuo senza pagare; Vieni, forestiero, vieni! A sbafo mangerai e sono tredici i piatti e dolce è il vino, è delle > il vino che per S. Martino comincia le labbra a farti leccare. Che gente
buona tu conoscerai se vieni un giorno e quante cose; se tu hai bisogno pure di una sposa, ci sono le giovanette da sposare. Vieni la sera della vigilia perché la notte si guardano le pignatte intorno al fuoco, ti porterò a fare baldoria in tutti luoghi col pretesto delle pignatte da guardare. Poi sul tardi i giovani fanno il giro di tutte
le case per intonare le litanie, sentirai canti e suoni in tutte le strade che i tempi antichi fanno ricordare. Ovunque tu entrerai ti doneranno qualcosa: frittelle, calzoni e cicerchiata, o i maccheroni conditi con la mollica che hanno preparato per regalarti. Le tavole si imbandiscono il giorno appresso: il vecchio, la vecchia e undici
pargoletti a tavola seduti da padroni per rappresentare i tredici apostoli e per mangiare. Mangiano ogni specie di legumi e lumache, granchi e maccheroni e una pagnotta di pane ciascuno, frittelle, pesce fritto e baccalà. La seconda tavola si fa per i poveri: per la povertà che piange ogni mattina in mezzo ad un vicolo o sopra un gradino quando non ha più pane da mangiare. E mangiano i mendicanti quel giorno, mangiano pure i cani per le strade; mangiano tutti e si ringrazia Iddio che manda la provvidenza alla povertà. Vieni, forestiero, vieni! A sbafo mangerai e sono tredici i piatti e buono è il vino, sazio e brillo ti farai sera e mattino e al paese tuo poi andrai a raccontarlo.


Torrid - The Alternative For Sizes 12 - 26
Nu zinne de ciele

Iètt'u iuve
Làvet'i mane
de tutt'i penziére
e dént'a iummèlle
che fanne nére
vìvete
'a vocche du còre
nu zinne de ciéle
e va' pa vie
se te vuò sentì
di Chiuppetiélle.
stélle de nòtte
Allòchet-abballe
miézz'i stélle du ciéle.
ce sta 'na funtanèlle
e dent'u beverature
tutt'i nòtte 'na stélle
recchiare l'acque
'ndruvedate di ciélle.



Un lembo di cielo. Getta il giogo di tutti i pensieri che fanno nera la bocca del cuore e va' per la via dei Pioppelli. Laggiù nella valle c'è una fontanella e nell'abbeveratoio tutte le notti una stella rischiara l'acqua intorbidata dagli uccelli. Lavati le mani e nella giumella bevi un lembo di cielo, se ti vuoi sentire stella di notte fra le stelle del cielo.



Sére

Arriv'a sere
i vedute du munne
che l'uocchie nbapagnite
dent'i cucocce
de suonne
che pàrene cocce de muorte.
e 'rréche ni case
spase de pizze
'N -ache d'ore
e pulente.
ze ficche dent'a carne
de chi passéie
Vè d'addarasse
ca muréie di case
'a zengarelle ciaramellose
e i pòngeche u core.
e tòzzele porte e pertune
pe' fa vedé
a viecchie e guagliune

 
 


Sera. Arriva la sera con gli occhi imbambolati di sonno e reca nelle case spase di pizza (pane di granturco) e polenta. Vien da lontano la zingarella mocciosa e picchia porte e portoni per far vedere a vecchi e bambini le vedute del mondo (cartolline illustrate) dentro zucche che sembrano teschi di morti. Un ago d'oro si ficca nella carne con l'ombra delle case e gli punge il cuore.
 
 

I masserìe de Dìe

So case de paglie e de créte
Sule, dent'a 'na menèlla,
lli massarìe
nu cìtele bèlle
scurdàte du munne e da Dìe.
zi tìleche u megnìcule
'A gente nasce e more
e rire chi 'rille
dent'a 'na rolla
chi zòmpene 'ncuolle.
o dent'a 'na pagliéra
come i puorce c'alleve.
Ncopp'u lappe da vìa
nu ràchene
'Na fémmene zappe
fa a-more cu sole.
e 'n'ome arecalle
Me vede, te paure
i chiante da vigne.
e come a nu selustre ze ne scappe.
Puòrce e galline
vanne pascènne pu chiane.



Le masserie di Dio. Sono case di paglia e di creta quelle masserie scordate dal mondo e da Dio. La gente nasce e muore dentro una stalla o dentro una pagliera come i porci che alleva. Una donna zappa e un uomo ripassa le piante della vigna. Porci e galline van pascendo per il piano. Solo, dentro una > un bambino bello si titilla l'ombelico e ride e gioca con i grilli che gli saltano al collo. Sull'orlo della via un ramarro fa l'amore col sole. Mi vede, ha paura e come un lampo se ne scappa. 
 

                 Visitate il vostro sito:
                      http://www.amicomol.com

Sex Toys Store